Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



mercoledì 14 agosto 2013

Disegnare in digitale con la tavoletta grafica (e un mio video)

[Articolo aggiornato il 17/4/2017]
Diverse persone mi hanno chiesto com'è l'esperienza di disegnare e inchiostrare in digitale (ovvero attraverso l'uso di strumenti come le tavolette grafiche  o i quasi-pc su cui si può disegnare direttamente sullo schermo - come la Cintiq della Wacom, o le Yiynova, o i tablet/pc come il Surface): se è difficile oppure no, se è lo stesso che disegnare su carta, quali tavolette grafiche sono più adatte, e così via.
Risponderò in base alla mia esperienza, che comunque rimane sempre personale: non a caso molti disegnatori che hanno provato a disegnare in digitale si sono trovati male e hanno lasciato perdere (riservando magari agli effetti aggiuntivi o ai retini una piccola parte di lavoro digitale, fatto sulle tavole dopo aver finito di disegnare "dal vero"); molti altri invece si sono trovati bene col digitale, magari non subito (per tutto ci vuole pratica e pazienza), e hanno trovato il loro software grafico di riferimento (come PhotoshopManga Studio (Clip Studio Paint), ArtRage o altri).
Io ad esempio ho avuto in prova per qualche giorno la Cintiq da 12 pollici, un'evoluzione della tavoletta grafica che diventa tutt'uno con lo schermo (si disegna avendo sotto la penna l'immagine del nostro disegno), eppure non mi sono trovata bene, avevo la sensazione che ci fosse uno spazio tra la punta della penna e l'immagine (in effetti è così, è lo spazio del vetro, seppure molto sottile) e questo mi metteva molto a disagio. Forse con la pratica questa sensazione sarebbe scomparsa, e forse no, in ogni caso la misura più grande (consigliata dai migliori professionisti) rappresentava per me un costo troppo alto.
 In pochi anni i prodotti Cintiq sono cambiati molto, ci sono nuovi prodotti e più evoluti, con schermi più sottili e "naturali". Ho avuto modo di provare qualche mese fa una Cintiq da 27 pollici e la sensazione è stata molto diversa da quella prima prova del 2013, lo schermo è decisamente sottile, e già dopo pochi minuti mi sono trovata a disegnare con scioltezza; probabilmente oggi potrei anche passare a lavorare su una Cintiq - se potessi.

La mia tavoletta grafica 
Attualmente uso una Intuos 5 Touch, con cui mi trovo abbastanza bene; se posso dare un consiglio credo che il touch non sia necessario, se volete risparmiare qualche soldo potete farne anche a meno, ci sono tanti tasti multifunzione a lato della tavoletta, per tutte le esigenze.
Prima di questa tavoletta avevo un vecchio modello di Intuos (la trovate al link precedente a fianco della nuova), e prima ancora usavo una piccolissima vecchia Wacom molto meno bella di una Bamboo o delle più recenti Intuos Art, Draw e Comic - che rappresenta il primo passo per chi vuole incominciare a usare una tavoletta Wacom (anche perché è quella che costa meno).
Notoriamente le Wacom sono le migliori in quanto a sensibilità del tratto e rispondenza del segno, ma ultimamente la concorrenza si sta facendo più agguerrita, io non ho avuto modo di provare personalmente altre marche e quindi posso solo consigliare di farlo voi, se potete; anni fa comprai una Trust e la riportai subito indietro - la differenza con la sensibilità della Wacom era abbastanza grande.
Per chi inizia a disegnare con una tavoletta grafica le Wacom Intuos Art (o le Draw, o Comic)  vanno più che bene (o anche le "vecchie" Bamboo se le trovate di seconda mano).
Per la scelta della misura: anche qui dipende dalle proprie esigenze e dalla propria comodità. La tavolette vanno di solito da una misura S, la più piccola, alla XL. Se andate a vedere le pagine della caratteristiche tecniche delle varie tavolette potrete leggere quali sono le misure in cm dell'area attiva (quella che coinciderà con lo schermo del pc) su cui far scorrere la penna. Se volete farvi un'idea dal vero tracciatene i contorni su un foglio bianco. Anche guardare dei video su Youtube con le persone che le usano aiuta a farsi un'idea (nella casella di ricerca scrivete il nome della tavoletta che vi interessa, e la misura).
La mia prima Wacom era una misura S, abbastanza piccola, eppure ci ho lavorato per un po' prima di passare alla M della Intuos 3; adesso che uso una Intuos 5 sono rimasta alla misura M, con cui mi trovo bene: la tavoletta non ingombra troppo e non devo spostare troppo il braccio e la mano per disegnare su tutto lo schermo (io adesso lavoro su un 24 pollici).

Driver e settaggi
Quando si installa una tavoletta grafica sul computer (di solito sono collegate con un cavo usb - esistono anche quelle wi-fi, senza filo, ma io del wi-fi mi fido poco, c'è sempre da temere un minimo di ritardo nel segnale) si installano contemporaneamente i driver, che è bene mantenere aggiornati andando a vedere sul sito del produttore (ogni tanto) se ci sono delle versioni nuove: questo è importante per far funzionare bene la tavoletta rispetto ai programmi che useremo (spesso dei problemi inattesi vengono risolti con l'aggiornamento dei driver).
Ultimamente però si segnalano molti problemi specialmente per le Cintiq (ma non solo)  per chi ha un determinato sistema operativo Apple (ma non solo) e chi usa un determinato programma (si possono avere problemi con Clip Studio Paint ma non con Photoshop, e viceversa), per cui molti sono dovuti tornare indietro e reinstallare gli ultimi driver funzionanti (e anche qui non è facile tornare ai driver vecchi perché bisogna disinstallare bene quelli appena installati prima di reinstallare i vecchi). In generale il consiglio è di non autorizzare gli aggiornamenti automatici e andare sul web per vedere che effetto fanno i nuovi driver con determinate tavolette (e a seconda del sistema operativo); sempre meglio rimanere coi vecchi finché funzionano.
Altra cosa importante è il settaggio delle funzioni della tavoletta: la Wacom ha un programma abbastanza completo dove possiamo provare a vedere come viene fuori il segno a seconda della pressione che esercitiamo sulla tavoletta - ma è bene non calcare troppo e avere la mano pesante altrimenti si rovina la superficie (così come è bene controllare l'usura delle punte e cambiarle per tempo: usate una pinzetta per sfilarle); inoltre possiamo attribuire delle funzioni, o dei tool, ai tasti laterali che ci sono nella tavoletta, e che aiutano il nostro lavoro senza farci staccare troppo la penna dal disegno. Qui su Youtube c'è  un video che spiega bene come installare una tavoletta grafica sul pc, come settarla, ecc.

Dalla carta ai pixel
Lo scopo di disegnare in digitale non è cambiare il nostro stile o approfittare dei mirabolanti aiuti che ci può dare questo o quel software grafico: se il nostro livello di disegno è mediocre lo rimarrà anche in digitale. Quindi se siete alle prime armi col disegno consiglio di fare un po' di scuola su carta prima di passare a divertirsi con il computer: più si è esperti a disegnare in maniera "tradizionale", meglio si saprà affrontare il passaggio alla tavoletta grafica e al computer - soprattutto si saprà meglio valutare la rispondenza del nostro segno naturale e originale, su carta, con quello riprodotto attraverso la tavoletta, e lo si saprà "dominare" meglio - aldilà dei problemi che si potrebbero trovare a seconda dei software con cui si disegna (io ad esempio all'inizio ho avuto qualche problema con una versione di Manga Studio 5 tempo fa, ma poi tra settaggi migliori, consigli e importazioni di pennelli le cose sono migliorate di molto).
La "naturalezza" del nostro disegno in digitale dipenderà da molti fattori, spesso soggettivi: come detto ognuno di noi reagirà in maniera diversa di fronte a uno strumento così diverso da quello che conosciamo. Io fin dall'inizio non ho avuto problemi nel trovarmi a guardare lo schermo e tracciare dei segni sulla tavoletta in basso, fuori vista; altri potrebbero averli.
Quasi tutti i programmi migliori di disegno digitale oggi hanno degli strumenti che permettono di personalizzare i vari pennelli, di renderli quindi più simili a quelli reali, anche negli effetti (ruvidi, sgranati, acquarellati, ecc.). Se non sappiamo bene come creare pennelli nuovi (o siamo troppo pigri) sul web è possibile trovare in vendita o in download libero pennelli di diversi programmi (Photoshop, Clip Studio Paint, ArtRage, ecc.) che poi possiamo importare nei nostri programmi.

Come uso la tavoletta grafica
Da quando ho iniziato ad usare i programmi di disegno digitale ho avuto periodi in cui mischiavo disegni su carta con l'inchiostrazione digitale, ed altri in cui disegnavo esclusivamente in digitale.
In uno dei miei ultimi Nathan Never ad esempio ho realizzato le matite delle mie tavole in digitale, poi  ho stampato le tavole in cyan (Fabriano formato A3), le ho inchiostrate con pennelli e pennarelli, le ho scansionate e importate in Clip Studio Paint per rifinirle e aggiungere i retini e gli effetti in digitale.
Un altro lavoro recente invece l'ho realizzato tutto in digitale, dalla matita all'inchiostrazione per terminare col colore: tutto con la mia fedele Intuos 5 e Clip Studio Paint. Alla fine, sia nel primo caso descritto che in quest'ultimo consegno alla redazione dei file digitali.

Il mio modo di disegnare con la tavoletta grafica è molto simile a quello di quando lavoro su carta: cerco di riprodurre gli stessi movimenti, lo stesso segno (anche se nulla vieta di sperimentare cose nuove dato che la velocità del digitale - dei ripensamenti e delle cancellature - lo permette). Quello che porta in più la lavorazione con il computer sono la facilità con cui si possono "spostare" e correggere pezzi di disegno, la comodità nell'usare strumenti come la retinatura o la colorazione, e per chi crea dei propri fumetti poter gestire velocemente i balloon e i testi è veramente una gran cosa; anche ingrandire con lo zoom una parte precisa di ciò che stiamo disegnando è molto comodo, ma non lasciate prendervi la mano riempiendo i vostri disegni di particolari: bisogna sempre calcolare che un lettore vedrà i nostri disegni ridotti di molto, a seconda dell'albo su cui saranno stampati o anche dello schermo su cui saranno visualizzati i disegni o le tavole a fumetti (un mio consiglio è di fare delle stampe di prova in A4 - se nella riduzione i nostri disegni risulteranno "impastati" o illeggibili meglio alleggerire il disegno e non perdere tempo nel disegnare particolari minuscoli che non verranno mai visti).
Di contro non avremo più da far vedere delle copie fisiche - gli "originali" di carta - ai nostri lettori, né potremo rivendere un giorno le tavole - a meno che si trovi il modo di stamparle su carte speciali, magari numerandole e firmandole, o personalizzandole (qui trovate dei link a delle interessanti discussioni sulla questione "originali su carta/disegni digitali").
 Importante: salvate spesso mentre disegnate e a fine giornata fate sempre un paio di copie di backup su supporti esterni - hard disk, chiavette usb, e magari anche backup on line, in aggiunta.
Per avere un'idea di come si disegna con la tavoletta grafica può aiutare vedere qualche video - su Youtube basta cercare "disegnare tavoletta grafica" e troverete molti video su questo tema.

Su Facebook c'è il gruppo Wacom User Group Italia che anche se focalizzato su una marca potrebbe rispondere a molti vostri dubbi sulle tavolette grafiche, problemi e impostazioni.

Qui sotto un video che mostra come lavoro in digitale (la tavola è tratta da una storia di Universo Alfa n. 35 - Sergio Bonelli Editore).

25 commenti:

  1. Ottimo, davvero

    RispondiElimina
  2. Ciao Patrizia,sono Gerardo Ceglia, ho da poco acquistato una tavoletta grafica intuos small, la meno costosa, sai darmi qualche dritta per settarla al meglio per poter disegnare/inchiostrare con manga studio?
    grazie e buon lavoro, un in bocca al lupo per il tuo futuro professionale.

    Gerardo.

    RispondiElimina
  3. Nessuna in particolare, purtroppo ogni regolazione è molto personale, settarla per Manga Studio vale come settarla per qualsiasi altro programma, però se su Manga Studio preferisci dei settaggi diversi (che so, pressione più leggera del segno, o altro) allora tieni solo d'occhio che mentre fai i settaggi nella finestra della Wacom sia selezionato il programma (e se non c'è lo aggiungi con la + sulla destra, come si vede nella foto che ti linko: https://plus.google.com/photos/103554722208874670183/albums/5935405401148415345?authkey=CMyluL6-yNbcJQ)

    RispondiElimina
  4. Ciao Patrizia, scusa se ti disturbo quasi sempre, con la wacom intuos quando ho inserito il programma manga studio e lo vado a selezionare se poi chiudo la finestra del settaggio e la riapro non mi mantiene il programma selezionato. io sto lavorando mettendolo come icona in basso il settaggio della tavoletta senza chiudere la finestra di setup. hai qualche suggerimento al riguardo?
    grazie e buon lavoro.

    Gerardo

    RispondiElimina
  5. Non so perchè non ti mantiene il settaggio. Io di solito apro il pannello Wacom quando è aperto il programma Manga Studio, se all'interno della finestra dei settaggi Wacom non appare il programma clicco sul +, poi lascio selezionato Manga Studio e cambio i settaggi, poi chiudo la finestra e tutto dovrebbe rimanere uguale se riapro la preferenze Wacom.

    RispondiElimina
  6. grazie Patrizia, sempre gentile e utile per noi amanti del fumetto.
    a presto.

    Gerardo.

    RispondiElimina
  7. Ciao Patrizia, una domanda forse banale, so che in commercio esiste una Wacom intuos manga con sw manga studio incluso, ma l'utilizzo del programma esula dal tipo di tavola? cioè io potrei comprare un'altra qualsiasi tavola Wacom e poi lavorare con Manga studio scaricato su PC o quella in commercio ha una predisposizione diversa? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti rispondo io, personalmente ho comprato una tavoletta grafica draw ovvero con artrage e sketchbook express incluso con artrage mi trovo benissimo ma nulla mi vieta di usare manga studio anzi è da un pò di tempo che lo uso e i risultati sono ottimali.
      Spero di aver chiarito i tuoi dubbi :)

      Elimina
  8. Non ho esperienza diretta dei programmi inseriti nelle confezioni Wacom, ma credo proprio che una volta che hai installato il programma sul pc tu possa poi usare qualsiasi tipo di tavoletta. Se proprio vuoi essere sicuro dovresti chiederlo a qualcuno che ha provato questa cosa (non so, prova a cercare dei video su Youtube a tema e chiedi ai possessori di queste tavolette).

    RispondiElimina
  9. buon giorno, volendo disegnare gioielli, mi conviene comprare: intuos art, photo, comic o pro?
    grazie
    ilario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilario, purtroppo la mia risposta sarà parziale perchè la realtà è che non conosco bene le modalità di disegno e le esigenze dei disegnatori di gioielli. A naso escluderei la Intuos Photo, anche la Draw che ha Art Rage, bellissimo programma ma che ha dei limiti rispetto a Manga Studio (che è la stessa cosa di Clip Studio Paint) e Corel Painter.
      Probabilmente potrebbe esserti utile uno strumento che credo abbia solo Clip Studio Paint (in dotazione con la Intuos Comic), il ruler simmetrico, Symmetry ruler, con possibilità di inserire più linee simmetriche (lo si vede in questo video tutorial: https://www.youtube.com/watch?v=Y28c-mv_iXU).
      Non sapendo bene di cosa hai bisogno la cosa migliore per te forse è scaricare le demo dei programmi inseriti nelle varie Intuos e provarli, e poi scegliere.

      Elimina
  10. Buona sera patrizia, volevo sapere quali sono sia i software che i computer consigliati per la cokoraziobe digitale ,oltre a conoscere quali sono le tavole professionali che si usano per la colorazione digitale. Sono un manuale nel disegno e il mio primo approccio con la cokorazione di tipo digitale so che sara una gran bella impresa ma credo che sia oramai necessaria se uno vuole intraprendere prifessionalmente questo lavoro .

    RispondiElimina
  11. Buona sera patrizia, volevo sapere quali sono sia i software che i computer consigliati per la cokoraziobe digitale ,oltre a conoscere quali sono le tavole professionali che si usano per la colorazione digitale. Sono un manuale nel disegno e il mio primo approccio con la cokorazione di tipo digitale so che sara una gran bella impresa ma credo che sia oramai necessaria se uno vuole intraprendere prifessionalmente questo lavoro .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luca se hai letto il post ci sono già le risposte a queste domande: Manga Studio 5, Photoshop (ma è costoso); aggiungo Sketchbook Pro. Wacom Bamboo va benissimo per iniziare. Non ho capito cosa intendi per tavole professionali - forse cerchi tavole in bianco e nero da colorare, non so se esistono siti appositi, non ne conosco. Con Google Immagini puoi cercare delle tavole di fumetto e scaricarle, se sono a buona risoluzione, e importarle poi nei programmi di disegno digitale.

      Elimina
  12. Per i computer non so bene, l'importante è che abbiano una buona scheda grafica e molta RAM (almeno 8 Giga), ma non sono esperta, non so indicarti modelli precisi.

    RispondiElimina
  13. Risposte
    1. Luca c'è scritto nel post, "La mia tavoletta grafica". Siccome oltre le Wacom non ho altre esperienze d'uso non posso parlare di tavolette che non ho provato direttamente.

      Elimina
  14. Articolo aggiornato il 17/4/2017 con aggiunte di testo, cambi di link, video nuovo.

    RispondiElimina
  15. Ciao Patrizia, grazie infinite per questo bel post. Ho ripreso a disegnare da poco e stavo lavorando su iPad Pro 12.9" e la pencil (mi trovo molto bene), ma ho anche la tua stessa tavoletta e stavo cercando proprio qualche esperienza diretta di professionisti che lavorano con quest'ultima. Credo che a lungo andare tra i pro vi sia anche un guadagno in ergonomia per schiena e cervicali! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caio, scusa il ritardo per la risposta: per quanto riguarda schiena e cervicale non so cosa sia meglio per noi disegnatori, in effetti, credo dipenda anche dalla postura, dalla sedia, da cosa si fa per mantenersi in forma (io ahimè nulla). I miei problemi maggiori sono stati alla vista :)
      Ah, per adesso non mi posso permettere un iPad Pro però mi piacerebbe!

      Elimina
    2. Ciao! Beh, muoversi è importante ma non si riesce a farlo sempre in effetti :-) .. per ora disegnare sulla intuos è molto più comodo, perchè posso stare in posizione corretta senza curvarmi sul piano di disegno. Però la coordinazione mano-occhio richiede molto lavoro! :-O

      Elimina
    3. Comunque complimenti per i tuoi lavori! Sono splendidi e molto istruttivi per chi sta imparando!

      Elimina