Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



domenica 19 febbraio 2017

Un ultimo saluto a Giacomo Pueroni, che ci ha lasciato

Il disegnatore Giacomo Pueroni era affetto da qualche tempo dalla SLA, una malattia carogna tra le tante che affliggono il genere umano, e la forma capitata a Giacomo era più carogna ancora. La Sergio Bonelli Editore qui dà notizia della sua scomparsa, Giacomo aveva lavorato per questa casa editrice disegnando e inchiostrando per diverse testate.
Tempo fa in collaborazione con la Bonelli si erano messi in vendita digitalmente due albi che Giacomo aveva disegnato (di Nathan Never e Jonathan Steele), e di cui avrebbe ricevuto tutti i proventi. Sinceramente pensavo che questa battaglia molto difficile sarebbe durata di più, che Giacomo avrebbe fatto in tempo a vedere la nuova serie di Star Trek (di cui aveva una grande passione).

Disegno di Giacomo Pueroni

A proposito di Star Trek nel settembre del 2013 io e Giacomo avevamo discusso del film "Into Darkness", ma soprattutto delle polemiche degli appassionati trekkiani, che a noi parevano eccessive. Da queste discussioni era nata l'idea di farne un post nel mio blog (diviso in due parti), una specie di conversazione a due in cui io cerco di far parlare Giacomo delle varie serie di Star Trek, di cui lui sapeva tantissime cose (certamente più di me, che sono sempre stata molto disattenta nelle mie passioni): qui la prima parte, qui la seconda (sono post corredati da illustrazioni e tavole di Giacomo).
Nel blog "Perchè facciamo quello che facciamo" Giacomo aveva parlato della sua malattia con la consueta intensità di sempre, con la stessa precisione e profondità - basta leggere anche i suoi post di anni prima.
Questo è il mio piccolo ricordo, non ho molte altre parole, solo spero che la ricerca scientifica possa andare avanti per poter combattere questa malattia, e che le persone continuino a contribuire, per quel che possono.

Nessun commento:

Posta un commento