Per richieste varie alla sottoscritta: non faccio scambio link e banner, vorrei che le richieste di "amicizia" e di "contatti" fossero accompagnate da presentazioni - grazie!



domenica 21 dicembre 2014

Varie -73


Non so se posterò qualcosa prima di Natale, per cui faccio adesso ai lettori del blog gli auguri di buone feste - se possibile state sereni e non mangiate troppo.

Due mie presenze da segnalare (un mio testo e un'intervista): una la trovate sul blog Vibrisse di Giulio Mozzi, fa parte della serie "La formazione del/della fumettista" curata da Matteo Bussola; l'altra è l'intervista fattami da Lucrezia F. Franzon al termine dell'incontro all'Università dell'Insubria e uscita sul sito Isola Illyon.

Ultimi acquisti (ebbene sì, è uscito "I am a hero" 11)
Notizie fumettose:

 Varie:




lunedì 15 dicembre 2014

Una giornata fumettosa con gli amici


Sabato scorso un raro evento è venuto a scuotermi dalla mia clausura lavorativa - a Milano erano presenti due miei cari amici "romani", a cui si è aggiunta un'amica milanese che ammiro molto per le cose fa (una di queste ad esempio è la partecipazione al gruppo di volontari che ha dato assistenza e rifocillato i profughi siriani in transito da Milano alla Stazione Centrale - gruppo che è stato anche premiato di recente con l'Ambrogino d'Oro).

"War painter" di Laura Scarpa
Date da mangiare e da bere a Laura Scarpa e lei andrà avanti a disegnare per ore

L'amica "romana" Laura Scarpa mi ha fatto dono del suo libretto "War painter" con dedica e disegno realizzato in un pub dei Navigli (dono che hanno ricevuto anche gli altri due amici); ho anche ricevuto con grande piacere il volume "Natali neri e altre storie di guerra" di Fabio Visintin, che il mio amico storico - molto pignolo con i disegnatori che si avventurano in rappresentazioni storiche - ha affermato essere molto accurato nel disegno di uniformi ed elmetti.
Laura Scarpa era presente a Milano per partecipare all'evento organizzato da Radio Popolare: "Parole, suoni, disegni. Come rendere coinvolgente il racconto della Grande Guerra?". A quanto pare ha disegnato anche lì, tanto per cambiare.
E a proposito di disegno la visione assidua di Laura alle prese con i suoi acquerelli volanti e le penne a ricarica d'acqua mi ha fatto venire una grande voglia di tornare a disegnare su carta, magari anche con colori o mezze tinte - insomma, dal prossimo anno vorrei disegnare meno al computer e più dal vero; vedremo se riuscirò nell'intento e soprattutto se potrò organizzare diversamente le mie giornate.

Davide lo storico, Silvia e Laura
Intanto oltre a mangiare bere e chiacchierare in un paio di pub della zona Navigli siamo anche passati alla Bao Boutique in via Vigevano (aperta fino al 21 dicembre) dove ho comprato il volume "Golem" di LRZN (in anteprima dato che uscirà ufficialmente a gennaio); niente dedica per me poiché c'era un po' di fila.
Ho passato davvero una bella serata a chiacchierare di tante cose con i miei amici ma soprattutto di fumetti, libri, persone, di cose passate e cose da fare: in quei momenti il tempo si ferma, gli acciacchi non si sentono più, si sognano altre serate.

A destra il menu del pub inserito dentro dei fumetti (oltre ai manga c'era anche un "The walking dead")


sabato 6 dicembre 2014

Parlando di alieni (e disegnandoli)


Il 3 dicembre io e Antonio Serra siamo stati invitati dal professor Paolo Musso all'Università dell'Insubria (a Varese) nell'ambito di alcuni incontri del suo corso "Scienza e Fantascienza nei Media e nella Letteratura"; Serra aveva già parlato in precedenza di media e fantascienza nell'ambito dello stesso corso, il 3 invece mi ha aiutato a dire qualcosa in più sul tema della raffigurazione degli alieni nei fumetti e nei film e telefilm - sono molto timida e non mi trovo a mio agio davanti al pubblico, anche se non folto.
Nella realtà ho più che altro disegnato alieni, prima su carta e poi in digitale; su uno schermo/telo molto grande veniva proiettato quello che disegnavo su carta tramite un apparecchio di cui non ricordo il nome, mentre per la parte digitale ho usato il mio pc portatile collegato via cavo a qualche altra cosa - in questo caso ho usato la tavoletta grafica e Manga Studio 5.
Le immagini di volti di alieni qui sotto sono i disegni che ho realizzato al volo in digitale - non avevo preparato nulla né su carta né sul pc, come quando la sera mi metto a disegnare le prime cose che mi vengono in mente al momento.


Mi sono divertita più di quello che immaginavo, il professor Musso e anche i tecnici che ci hanno aiutato a collegare la varie strumentazioni sono stati molto gentili. Al termine dell'incontro mi hanno intervistato due giovani ragazze appassionate di fantascienza a fantasy che collaborano con il sito "Isola  Illyon" (quando l'intervista sarà online metterò qui il link), è stato un piacere parlare con loro e scambiare opinioni su fumetti e film (un saluto a Lucrezia S. Franzon e a Elena).
Il professor Paolo Musso è anche autore di un libro di filosofia della scienza il cui titolo mi attira parecchio: "La scienza e l'idea di ragione. Scienza, filosofia e religione da Galileo ai buchi neri e oltre"; l'autore dice che oltre a essere libro per gli studenti dei corsi interessati è anche abbastanza divulgativo da poter essere letto da semplici curiosi della scienza (come me).

Su Facebook potete trovare una mia interpretazione di Tex Willer, un disegno a matita (digitale) pubblicato sulla bacheca del gruppo  Tex - Sergio Bonelli Editore; come ben dice un commentatore devo ancora lavorare sul viso (come minimo), ma certo non sono candidata a diventare una disegnatrice del personaggio (uno dei miei preferiti da bambina, che ho letto riletto e copiato per anni e anni). Un grazie a Mauro Boselli per aver ospitato il mio omaggio al pard nella bacheca ufficiale.

Un consiglio di lettura in ebook: Giorgio Pezzin (sceneggiatore e scrittore di tante cose, forse lo conoscerete meglio per le sue produzioni Disney)  ha scritto un libro di avventura "vecchio stile",  "Il portatore dell'Aquila".
Io ne ho letti i primi 7 capitoli (data la mia lentezza e il poco tempo a disposizione per leggere non è male), mi sto divertendo e soprattutto sto leggendo un libro ben scritto, con personaggi e trama interessanti. Consigliato ai ragazzi e agli adulti non invecchiati.